Go to Top

illuminazione per soggiorno

progettare l'illuminazione per soggiorno

Riuscire ad ottenere un’illuminazione per soggiorno gradevole e particolare, è la conseguenza di un’accurata distribuzione delle luci.
La soluzione ideale è un’illuminazione suddivisa in più punti dell’ambiente, con diversi livelli d’illuminamento, evidenziando alcune zone con una luce localizzata e d’accento, lasciandone in ombra delle altre, secondo le funzioni che si desidera svolgere.

 

L’IMPORTANZA DELLE LUCI E DELLE OMBRE

Illuminazione per Soggiorno con Luci e ombre

E’ proprio grazie ai contrasti di luci e ombre che si riescono ad evidenziare la profondità, il volume, le prospettive e le dimensioni di un’ambiente, creando contemporaneamente effetti davvero emozionali.

L’idea invece di realizzare un ambiente con solo una luce omogenea e uniforme, non darà modo all’occhio di essere attirato in nessun punto in particolare, a causa del risultato di un effetto generale di monotonia.

Ad esempio, per rendere vivace la stanza, tra il tavolo e le pareti perimetrali, non c’è bisogno di creare alti livelli d’illuminamento. Nel caso di ambienti abbastanza ampi, è meglio scartare la scelta di una sola luce centrale a soffitto per illuminare tanto e tutto. La plafoniera o il lampadario, possono rappresentare un semplice o importante complemento d’arredo, utile principalmente per la distribuzione di una luce più generale.

Ma in una corretta illuminazione per soggiorno, conviene distribuire più lampade in vari punti dell’ambiente, ognuno dedicato a zone specifiche (tavolo, quadri, nicchie, zona lettura ecc.).

Questo metodo avvantaggia anche il risparmio energetico, in quanto si potranno gestire separatamente le luci a seconda delle zone da utilizzare, senza dover tenere accesa l’unica fonte centrale, che per illuminare bene ogni punto della stanza, dovrebbe essere così potente da risultare eccessiva e superflua nel punto in cui viene installata.

 

ILLUMINAZIONE PER SOGGIORNO CON DIMENSIONI MINORI

Se al contrario la stanza ha dimensioni più modeste, può andare bene anche un’illuminazione per soggiorno con il classico punto luce centrale, ma converrà comunque inserire una lampada o una piantana nella zona dei divani e, se possibile, una luce d’accento per l’illuminazione di un quadro o di un altro particolare elemento situato in una parete (scaffale, libreria, mensola), per evitare, come detto prima, di ottenere il risultato di un ambiente senza enfasi.

One Response to "illuminazione per soggiorno"

  • Marco Rinoceronte
    28 maggio 2017 - 16:18 Reply

    Siamo stai piacevolmente sorpresi dalla preparazione professionale e tecnica del vostro operatore Sig. Ubaldo, il quale avendo prontamente colto le nostre esigenze ci ha consigliati al meglio.
    Sicuramente un’ esperienza da ripetere e da consigliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *